Saron: una bevanda energetica -Latteria di Livigno

Consumi, dal latte il siero della salute: +50% per il “Saron” di montagna

 

 

 

Boom per il “Saron” di montagna, la bevanda a base di siero di latte riscoperta dalla Latteria di Livigno e già conosciuta nell’antichità e nella tradizione contadina come elisir di lunga vita e di benessere psicofisico. Negli ultimi cinque anni – spiega la Coldiretti Lombardia – la produzione del Saron di montagna a Livigno (Sondrio) è aumentata di oltre il 50%, arrivando a sfiorare i 25mila litri all’anno, grazie alla crescente richiesta dei consumatori. Una bevanda che – prosegue Coldiretti – affonda le radici nella storia della Valtellina contadina, visto che l’ingrediente base è costituito dal siero di latte vaccino. “Si potrebbe pensare — spiega Alberto Marsetti, Presidente della Coldiretti di Sondrio — che il siero sia solo uno scarto della lavorazione del latte per il formaggio. Invece è una bevanda carica di storia e di proprietà benefiche per l’organismo, basti pensare che già nell’antichità era bevuto come elisir di buona salute, oppure usato come ingrediente principe di bagni curativi per ottenere una pelle morbida e idratata”. La storia del Saron e della Latteria di Livigno è stata protagonista questa mattina3 novembre 2017 dalle ore 11 nel programma di RaiUno “Buono a Sapersi”, condotto da Elisa Isoardi.

 

Quando l’antica tradizione contadina incontra l’innovazione dell’imprenditoria agricola moderna, nascono idee e prodotti che sono destinati a conquistare uno spazio importante sia nel mercato che nel cuore dei consumatori” afferma Marsetti. Il siero – spiegano alla Latteria di Livigno – oltre ad essere un calmante per il sistema nervoso, è un alimento ricco di sali minerali quali calcio, fosforo, magnesio, potassio e di vitamine.

SARON: fa bene a cosa e per chi ?

Contiene pochissimo grasso e sodio, e aiuta lo sviluppo del sistema nervoso nell’organismo in crescita, rafforza le ossa e i denti, prevenendo l’osteoporosi. Stimola il pancreas, il metabolismo e la circolazione, riduce il colesterolo e aiuta la digestione.

Anche per questo, si presta ad essere un alimento adatto sia per i bambini che per gli sportivi, vista la sua utilità per il reintegro salino ed energetico al termine di uno sforzo fisico prolungato. La bevanda dissetante valtellinese – conclude Coldiretti Lombardia – viene confezionata in tre formati: quello da un litro con una produzione annua di 15mila pezzi, quello da 250 millilitri, di cui se ne fanno 30mila pezzi e la confezione da mezzo litro, formato nato ad agosto di cui ne sono stati prodotti già 2.000 pezzi.

Luoghi Rurali

Dati forniti da Coldiretti Lombardia

Spazio Pubblicitario ancora disponibile

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome qui