Natale: un affare per l’agroalimentare “made in Italy”

Nove italiani su dieci (l’86 per cento) hanno trascorso la classica festività del Natale casa con parenti o amici

dati forniti da Coldiretti

Anche quest’anno il Natale è stato un grande “business” per l’agroalimentare italiano: in pochi hanno rinunciato all’appuntamento più tradizionale dell’anno. In media gli italiani speso  quasi 2,5 miliardi di euro per i cibi e le bevande consumati tra la Cena della Vigilia e il pranzo di Natale  a tavola. Quasi nove italiani su dieci (l’86 per cento) hanno trascorso la classica festività a casa con parenti o amici. E’ questo il bilancio della Coldiretti che conferma un aumento del 9% rispetto allo scorso anno della spesa per l’alimentazione con una spesa di 94 euro a famiglia.

A prevalere è stato il Made in Italy, con tavole ricche di prodotti tipici e cibi esotici e fuori stagione praticamente scomparsi dalle tavole dove invece si sono affermati – ha evidenziato la Coldiretti – il bollito, i polli arrosto, i cappelletti in brodo, le pizze rustiche e i dolci fatti in casa, con il record di una media di 3,3 ore trascorse in cucina per la preparazione dei piatti, secondo l’indagine Coldiretti/Ixè.

Natale: si è brindato con vini italiani

Tra i vini lo spumante classico (Franciacorta, Trentino e Piemontese) si conferma come il prodotto più gettonato, praticamente immancabile,  per quasi nove italiani su dieci (90%) a pari merito con la frutta locale di stagione, mentre il panettone con il 76% batte nelle preferenze il pandoro fermo al 70%. La maggioranza delle tavole imbandite con menù a base di prodotti o ingredienti nazionali hanno comportato una spesa stimata – secondo l’analisi Coldiretti/Ixé – in 900 milioni di euro per pesce e le carni compresi i salumi, 450 milioni di euro per spumante, vino ed altre bevande, 300 milioni di euro per dolci con gli immancabili panettone, pandoro e panetteria, 500 milioni di euro per ortaggi, conserve, frutta fresca e secca, 200 milioni di euro per pasta e pane e 150 milioni di euro per formaggi e uova.

A Natale anche i prodotti regionali tipici

Il Lazio per la Vigilia privilegia fritto di verdure pastellate di verdure (broccoli e carciofi), baccalà fritto e il capitone mente Per il pranzo di Natale, abbacchio al forno con patate e cappelletti in brodo, bollito misto e tacchino ripieno. Come dolce il pampepato, come in Umbria.

In Emilia Romagna come antipasto il tradizionale

culatello di Zibello

culatello di Zibello; in Abruzzo la minestra di cardi e la zuppa di castagne e ceci; in Molise la pizza di Franz; in Basilicata il piccilatiedd, una specie di panettone con le mandorle; in Calabria come antipasto la soppressata con aggiunta  di pecorino crotonese e caciocavallo silano; in Sardegna i Culurgiones de casu (ravioli ripieni di pecorino fresco, bietola, noce moscata e zafferano) conditi con sugo di pomodoro e pecorino grattugiato; in Sicilia buccellati di Enna (dolci ripieni di fichi secchi); in Puglia ​le cartellate (dolci fritti a forma di rosa e guarniti con miele o mosto); nelle Marche i maccheroncini di Campofilone in sugo; in Toscana il  brodo di cappone in tazza;  in Campania l’insalata di rinforzo ma senza trascurare altre leccornie e la famosa “pstiera” ; in Lombardia il “Pan di Toni” e il panettone; in Liguria il pandolce (impasto di farina, uvetta, zucca candita a pezzetti, essenza di

Cappone di Marozzo al forno

fiori d’arancio, i pinoli, pistacchi, semi di finocchio, latte e marsala); in Valle D’Aosta la carbonata con Polenta; in Piemonte il Cappone di Morozzo al forno; in Veneto il lesso di manzo “al cren” (salsa di rafano) con contorno di purè di patate e il pandoro di Verona; in Friuli Venezia Giulia la brovada e muset (zuppa di rape e cotechino) con polenta; in Trentino Alto Adige i canederli (polpettine di pane raffermo, speck, pancetta e salame, farina, uova, latte e brodo condite con spinaci, funghi o fegato di vitello) che possono essere conditi, una volta lessati, anche con burro fuso e formaggio oppure ragù di carne.

E adesso si attende il gran cenone di fine anno per un altra grande abbuffata di gustose specialità tutte italiane.

L.R.

Spazio Pubblicitario ancora disponibile

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome qui