Calcio fonte di vita per la salute delle nostre ossa

CALCIO : DOVE LO POSSIAMO TROVARE 

Calcio – Siamo stati abituati negli ultimi decenni, a risolvere alcune delle patologie moderne degli anni 2000, come ad esempio le problematiche del sistema osteoarticolare con l’assunzione di calcio, derivato soprattutto da fonti di proteine animali, come i latticini.
Parliamo infatti di fratture osteoporotiche, legamenti, attività osteoblastiche, gotta, cartilagini, artrosi, reumatismi, malattie del metabolismo osseo, ecc.

Negli ultimi anni, le neuroscienze hanno però dato un riscontro alternativo all’assunzione di calcio tramite gli alimenti a derivazione proteica animale, come latticini e derivati, in quanto hanno riscontrato un alterata decalcificazione ossea negli individui che assumevano notevoli latticini.
Attuando una dieta iperproteica di origine animale, ad esempio, si corre il rischio di entrare in carenza calcica, in quanto, aumentiamo l’acidità corporea e di conseguenza il disequilibrio acido/basico delle strutture ossee.

alcool e fumo fanno male

Alcuni alimenti da tenere sotto controllo sono anche il fumo, gli alcolici, l’eccesso di caffè.
Si è capito infatti che la carenza di calcio poteva essere riportata in equilibrio anche con l’assunzione giornaliera di altri tipi di alimenti, che donavano all’organismo anche altre componenti “essenziali” quali vitamine e fibre.
Consideriamo il calcio presente nei vegetali biodisponibile per l’organismo, in quanto è presente insieme ad alcuni minerali.
Nei latticini e derivati invece, troviamo anche il fosforo, oltre al calcio, che ne limita l’assorbimento nell’organismo.

ALIMENTI CHE CONTENGONO IL “CALCIO”

lattuga

Prendiamo in esempio alcuni vegetali anch’essi ricchi di calcio come, tutte le verdure a foglia verde: la rucola, la lattuga, la cicoria, la catalogna.
Troviamo poi i broccoli, gli agretti, i porri e i finocchi.
Anche la buona abitudine nell’utilizzo degli aromi al posto del sale, può contribuire a mantenere in buono stato le ossa; sappiamo che l’eccesso di sodio può purtroppo impoverire le ossa, fino all’insorgenza di infiammazioni come artrite ed osteoporosi.
E’ quindi molto importante l’assunzione di alimenti vegetali ad alto indice calcico, soprattutto per andare a colmare carenze in stili nutrizionali alternativi, come possono esserci in individui con intolleranze al lattosio e in individui con alimentazione vegana, in cui vengono esclusi a priori tutti i latticini.
L’equilibrio alimentare, indipendentemente dal tipo di alimentazione che un individuo può sposare, stà nel consumo quotidiano di verdura di almeno 5 porzioni, per un giusto apporto calcico.


Robecchi Samanta
Dott.ssa Naturopata Psicosomatica
Spazio Pubblicitario ancora disponibile

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome qui