INDENNIZZO AVIARIA  :  IN LOMBARDIA ATTESI RIMBORSI PER 5,5 MILIONI

Indennizzo aviaria  -E’ in arrivo la circolare Agea che spigherà nel dettaglio la documentazione necessaria da presentare per richiedere l’ indennizzo dei danni subiti a causa del virus dell’influenza aviaria.

Ricordiamo che si tratta di un settore che, in Italia,  impiega oltre 100 mila persone a livello diretto e indiretto e produce un fatturato di oltre 10 miliardi con oltre 18.500 allevamenti avicoli e 1.600 imprese di trasformazione.

Aviaria- Lombardia 5,5 ml di risarcimento
Indennizzo aviaria – rimborsi in arrivo

Nei mesi scorsi, la Commissione europea aveva approvato il regolamento di esecuzione relativo alle misure eccezionali di sostegno del mercato nei settori delle uova e delle carni di pollame in Italia.

Il regolamento mette a disposizione 11,1 milioni di euro per indennizzare le imprese avicole interessate dai provvedimenti di contrasto all’influenza aviaria, riguardante il primo periodo dal 30 aprile 2016 fino al 28 settembre 2017. Il contributo statale ha portato il fondo per gli indennizzi a 22 milioni totali di cui 5,5 milioni saranno destinati alle imprese lombarde.

Indennizzo aviaria –  Si tratta di un importante successo sindacale raggiunto grazie al lavoro di Confagricoltura Brescia.

Gabriele Trebeschi- Direttore Confagricoltura Brescia

Accogliamo positivamente la conclusione dell’iter per l’erogazione degli aiuti nazionali e comunitari per indennizzare i danni diretti e indiretti causati dall’influenza aviaria – commenta Gabriele Trebeschi, direttore di Confagricoltura Brescia -. Le imprese del comparto avicolo della nostra provincia vedranno finalmente concretizzarsi gli interventi attesi”.

Gli aiuti dovranno essere versati entro settembre 2019, anche se l’organizzazione auspica tempi più rapidi. Confagricoltura Brescia – prosegue Trebeschi – si sta attivando con decisione, grazie al dialogo con gli europarlamentari, anche perché si arrivi il prima possibile alla definizione dell’iter per la presentazione delle domande di indennizzo. Sul fronte nazionale e regionale attendiamo anche lo sblocco delle risorse del Fondo per l’emergenza avicola stanziate già nel 2017. 

Settore avicolo lombardo  in numeri :

Timbratura uova obbligatoria

La Lombardia  conta oltre 2.000 allevamenti avicoli, di cui quasi 900 di galline ovaiole, 1.100 di polli da carne e più di 300 di tacchini. I capi allevati sono quasi 32 milioni: 14 milioni di galline ovaiole, 14 milioni di polli da carne e 2,5 milioni di tacchini.

A livello provinciale lombardo, la popolazione avicola si concentra su Brescia con quasi 13,5 milioni di capi, su Mantova con circa 8 milioni, su Cremona con 4 milioni e Bergamo con 3,8 milioni. Per quanto riguarda gli altri territori: Lodi conta su 980mila capi, Lecco su circa 470mila, Pavia su 348mila, Milano su 325mila, Varese quasi 270mila, Sondrio 274mila, Monza e Brianza quasi 86mila e Como circa 71mila.  ( dati forniti da Coldiretti Lombardia)

 

Luoghi Rurali

Influenza – Frutta e verdura di stagione
Spazio Pubblicitario ancora disponibile

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome qui