Hamburger : può un prodotto vegetale fregiarsi di tale nome ? O si tratta di qualcosa d’ingannevole ?

Hamburger di sioia o costata alla brace ?
Hamburger di sioia o costata alla brace ?

Hamburger o carne sinteticaun tema molto dibattuto in queste ore- Sulla questione è intervenuto l’ assessore regionale lombardo all’ agricoltura Fabio Rolfi, che nel comunicato qui riportato chiede agli europarlamentari lombardi di farsi carico del problema a Bruxelles per evitare uno scempio di grandi proporzioni che avrebbe ricadute negative sul piano economico fra i nostri allevatori. 

CARNE SINTETICA, ROLFI: ATTACCO FRONTALE ALLA ZOOTECNIA. GOVERNO FACCIA SENTIRE VOCE ITALIANA

ASSESSORE: APPELLO A EUROPARLAMENTARI LOMBARDI A SCHIERARSI CONTRO QUESTO SCEMPIO

“I composti di cocco colorati con la barbabietola non sono hamburger: la carne è carne, i prodotti vegetali sono prodotti vegetali e il cibo da laboratorio è cibo da laboratorio. Basta giocare con le parole per ingannare i cittadini. Al Parlamento europeo si discuterà una proposta che di fatto è un attacco frontale alla zootecnia italiana e lombarda in particolare. Dobbiamo difendere il lavoro dei nostri allevatori e dei consumatori che hanno diritto a non essere ingannati con proposte di prodotti che, usando terminologia ingannevole, vengono presentati come derivati da carne sostenibile essendo invece tutt’altro. Invito gli europarlamentari lombardi a schierarsi compatti contro questo scempio e il governo italiano a far sentire la propria voce in sede europea”. Lo ha detto l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Fabio Rolfi in merito alla discussione, al momento prevista per domani, che si svolgerà in sede di Parlamento europeo sull’estensione della denominazione di carne anche a prodotti di origine non animale.

Hamburger .... e lo spiedo vegetale ??“Alcune grandi multinazionali vorrebbero spacciare il cibo da laboratorio come sostitutivo dei nostri prodotti zootecnici. La politica non può piegarsi a questi interessi. In Lombardia abbiamo il 25% dei bovini italiani, il 40% dei vitelli e il 53% dei suini. Il cibo sintetico non ha lo stesso valore nutritivo della carne italiana che è un alimento sano e controllato. L’Italia fa scuola nel mondo in materia di sicurezza alimentare ed è necessario respingere questo ennesimo attacco a un settore che è portabandiera del nostro Paese. La Regione Lombardia è disposta a collaborare a tutti i livelli per fare squadra. Il sistema Italia deve finalmente marciare unito per respingere questo ennesimo attacco frutto del combinato disposto tra ideologia animalista e interessi delle multinazionali del food” conclude Rolfi.

Luoghi Rurali 

Spazio Pubblicitario ancora disponibile

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome qui