Latte – A LENO L’APPUNTAMENTO DI CONFAGRICOLTURA BRESCIA

Latte – Si è tenuto nei giorni scorsi questo importante convegno per parlare e spiegare come l’intero settore si stia riallineando per riassorbire l’eccedenza di materia prima- messi alle spalle i primi sei mesi dell’anno, periodo di crisi che ha messo in ginocchio molti produttori, ora si guarda al futuro con maggiore ottimismo. Non vi è ancora nessuna sicurezza ma l’aver invertito la rotta costituisce di per sé un segnale positivo. Fondamentale instaurare un rapporto diretto fra produttore e consumatore.

L.R.

Latte italiano

Latte, Martinoni: “Dopo la crisi che ha colpito il settore, ora possiamo guardare con positività al prossimo biennio”

Numerosi i produttori presenti alla conferenza organizzata con gli esperti per fare il punto sull’andamento del settore dopo un inizio anno molto difficile. Sono interventui Barbieri, Rossi (Clal), Baldrighi (Grana Padano), Ottolini (Aop Latte Italia) ed il parlamentare europeo Angelo Ciocca

Dopo la crisi che ha afflitto il settore lattiero-caseario italiano nei primi sei mesi del 2018, a partire dallo scorso agosto la situazione si è finalmente riallineata grazie ad una scarsità di materia prima che ha permesso al mercato di riassorbire l’eccedenza di prodotto. Lo ha rimarcato Luigi Barbieri, vicepresidente di Confagricoltura Brescia, aprendo il convegno sul settore latte che si è tenuto nell’Ufficio Zona di Leno.

Presidente del Consorzio Grana Padanao Cesare Baldrighi
Nicola Cesare Baldrighi

La quantità di latte sul mercato e le consegne di questo periodo – ha detto Nicola Cesare Baldrighi, presidente del Consorzio Grana Padano -, il prezzo particolarmente remunerativo che ha incentivato a vendere più latte di quello programmato, la diminuzione delle scorte e la diluizione nel tempo delle produzioni, unitamente al nuovo piano produttivo del Consorzio ci danno una garanzia importante per quanto riguarda la tenuta del prezzo del Grana Padano, almeno per i prossimi due anni”.

Ottimismo quindi, anche se occorre sempre considerare, come ha spiegato Angelo Rossi, esperto del Clal, che sull’andamento del prezzo della materia prima pesano per il 70% fattori internazionali.

Brescia rimane la capitale del latte in Italia e sul nostro territorio si stanno sperimentando interessanti forme di aggregazione del prodotto, come la AOP Latte Italia, diretta da Marco Ottolini. “Diventa sempre più importante – ha affermato Ottolini – instaurare un rapporto diretto con il consumatore, evidenziando la provenienza e la qualità del nostro latte”. Ottolini ha evidenziato anche come il settore latte si stia ristrutturando, con una riduzione del numero degli operatori: in Italia nel 2018 sono diminuiti di 1.200 unità rispetto all’anno precedente.

Sul tema dell’importanza dell’etichettatura è intervenuto anche l’onorevole Angelo Ciocca, componente della Commissione agricoltura del Parlamento europeo. Sempre Ciocca ha rimarcato il valore della battaglia per il futuro della Pac: “È impensabile – ha detto – una riduzione delle risorse da destinare al settore primario: l’Italia non deve cedere su questo poiché il made in Italy agroalimentare rappresenta uno dei pilastri dell’economia del futuro di questo Paese”.

Francesco Martinoni presidente Confagricoltura Brescia

L’incontro è stato chiuso da Francesco Martinoni, presidente di Confagricoltura Brescia, che ha messo in luce come le diverse relazioni abbiano disegnato un quadro sostanzialmente positivo: “Per noi è fondamentale restare legati al Grana Padano, che in questi anni ha sempre premiato i conferenti. Infatti, le nostre cooperative che destinano gran parte del loro latte alla produzione di Grana stanno per chiudere un anno comunque soddisfacente. Ora – ha concluso – guardiamo al futuro con ottimismo, cercando sempre di valorizzare attraverso le eccellenze dell’agroalimentare italiano la qualità della nostra materia prima”.

Fonte dati – Confagricoltura Brescia

 

Spazio Pubblicitario ancora disponibile

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome qui