Latticini : confermata origine in etichetta fino a dicembre 2021 per derivati del latte

Latticini  prevalgono trasparenza e tutela dei consumatori e dei prodotti italiani

Latticini
Latticini – Resta obbligatoria fino a dicembre 2021 l’indicazione d’origine in etichetta per burro, yogurt e formaggi

Latticini – Resta obbligatoria fino a dicembre 2021 l’indicazione d’origine in etichetta per burro, yogurt e formaggi. “Un risultato importante che va nella giusta direzione di informazione, valorizzazione e sostegno dei prodotti agroalimentari italiani. Vincono la trasparenza e la possibilità data ai consumatori di conoscere il Paese di origine mungitura del latte e, di conseguenza, dei derivati”. Questo il commento di Massimo Albano, direttore di Coldiretti Brescia, la prima provincia italiana per produzione di latte, alla notizia che la Commissione europea ha lasciato scadere il cosiddetto “periodo di stand still” – letteralmente “stai fermo” – vale a dire il periodo di sospensiva di 90 giorni entro il quale l’Eurogoverno avrebbe potuto fare apposizione al nuovo decreto inviato in bozza a Bruxelles, lo scorso febbraio, dal governo italiano.

Latticini
Latticini – Tutti i prodotti della filiera lattiero casearia, così importanti per l’economia del territorio, restano quindi identificabili

Latticini – Tutti i prodotti della filiera lattiero casearia, così importanti per l’economia del territorio, restano quindi identificabili: “a questo punto – precisa il direttore Albano – il decreto scritto a quattro mani dal Ministro delle politiche agricole Teresa Bellanova e dal Ministro per lo sviluppo economico Stefano Patuanelli è in attesa della firma, il sigillo definitivo prima della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale”.

In un momento particolare e difficile per l’economia, dovuto all’emergenza sanitaria – continua Coldiretti Brescia –, è ancor più importante portare sul mercato il valore aggiunto della trasparenza, continuando a lavorare per estendere a tutti gli alimenti l’obbligo di origine in etichetta. “Anche grazie al pressing esercitato da Coldiretti – conclude Valter Giacomelli, dirigente di Coldiretti Brescia – sono stati fatti molti passi avanti nel tutelare i consumatori con informazioni più chiare e precise, ma non basta. Il percorso è ancora lungo e ci impegneremo per ottenere nuovi traguardi per il Made in Italy agroalimentare e diano un concreto aiuto di ripartenza per l’intero settore economico”.

Dati forniti da Coldiretti Brescia

Spazio Pubblicitario ancora disponibile

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome qui