L’osteoporosi e l’alimentazione 

I consigli di Samanta Robecchi

Ho iniziato a studiare l’osteoporosi come naturopata quando mi sono accorta che piu della metà delle persone donne che venivano da me in studio, ne soffrivano, indipendentemente dall’età, quindi parliamo di donne dai 27 anni in su.

Parliamo di dati.

Negli anziani infatti, è uno dei maggiori problemi di salute, creando limiti nella deambulazione. L’osteoporosi oggi colpisce il 7.5% della popolazione italiana. E’ una patologia in invalidante, in quanto riduce la qualità della vita e nelle fasi avanzate, può addirittura accorciarla.

 

Capiamo meglio di cosa stiamo parlando: cos’è l’Osteoporosi

E’ una malattia dello scheletro caratterizzata dall’indebolimento dell’osso, con un conseguente aumento del rischio di fratture ossee.

L’osteoporosi colpisce 3,5 milioni di donne, contro 1 milione di uomini.

 

Come possiamo sapere se ne siamo colpiti?

Esistono alcuni fattori da tenere in considerazione, come:

– l’età (55 per la donna e 60 per l’uomo)

– la predisposizione genetica famigliare (sia nell’uomo che nella donna)

– l’eccesso di magrezza (sia nell’uomo che nella donna)

– la menopausa (al raggiungimento di questa fase la donna inizia a perdere maggior calcio dalle ossa)

COME FARE PREVENZIONE

In ambito naturopatico, contro l’osteoporosi  si può fare prevenzione, iniziando col seguire piccole regole quotidiane:
– non fumare
– non assumere troppi alcolici
– fare attività fisica

– ricevere almeno 15 minuti al giorno di luce dal sole per l’assorbimento di VitD
– riequilibrare l’alimentazione con cibi vegetali ricchi di vitD

OSTEOPOROSI E ALIMENTAZIONE

Sappiamo bene quanto i sistemi tampone dell’organismo ci indeboliscano il nostro apparato scheletrico, tramite il compenso del ph sanguigno (spesso in acidoci) oppure per un disequilibrio nei minerali presenti nell’organismo. Ecco che per riportare equilibrio fra tutti questi fattori, il nostro corpo recupera la giusta quantità di calcio, proprio dalle nostre ossa.
Parlando di alimentazione preventiva contro l’osteoporosi, voglio ribadire un concetto a me caro sull’assunzione di latticini e derivati: negli ultimi anni gli studi scientifici dimostrano che l’assunzione di latticini giornaliera non aggiunge calcio alle ossa anzi, acidifica l’organismo ed estrapola dalle ossa il calcio donato con in piu altra quantità per lo smaltimento appunto delle proteine animali, causa, indebolimento della trama ossea.

ALIMENTI CONSIGLIATI

pumpkin seeds

Alcuni degli alimenti che consiglio per prevenire l’osteoporosi sono piselli, ceci, fagioli e soia, per la presenza di fitoestrogeni “isoflavoni” che riducono anche i disturbi della menopausa e dell’osteoporosi, le prugne, per la loro quantità di bolo, i vegetali a foglia verde come frutti di bosco, cavoli, spinaci, cime di rapa e le verdure a foglia verde come indivia e tarassaco.
Non dimentichiamoci anche dei semi oleaginosi come sesamo, semi di zucca, semi di lino, mandorle, pistacchi e noci, per il loro contenuto di magnesio, calcio e fosforo.

INTEGRAZIONE

Solitamente consumiamo buone quantità di calcio, soprattutto se manteniamo una dieta equilibrata e variegata. Possiamo altresì trovare questo minerale in molti alimenti come il latte vegetale arricchito di calcio, ma spesso questo non basta per arrivare alla quantità giornaliera minima raccomandata.
Frequentemente il calcio assunto via alimento si perde, ecco perchè abbiamo bisogno di integrare con VitD e VitK2, fondamentali per l’assorbimento completo di calcio nelle ossa. Infatti, la sinergia fra queste due vitamine rende il calcio piu biodisponibile a livello osseo, evitando cosi l’accumulo di calcio in altri organi e la calcificaione in altri tessuti (la VitK2 ottimizza i livelli di calcio).

Robecchi Samanta
Dott.ssa Naturopata Psicosomatica

DELACROIX NATURA

Email: info@delacroixnatura.it

Spazio Pubblicitario ancora disponibile

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome qui