Problema Cinghiali :  a Brescia in 9 mesi raddoppiati gli abbattimenti ma la situazione resta critica

Problema cinghiali – una questione che va affrontata seriamente

Problema cinghiali  – Proprio ad inizio estate l’ Assessorato lombardo all’ Agricoltura ha emesso un Decreto Legge che consente il prelievo in selezione tutto l’anno – questo proprio per far fronte a quella che si definisce una vera emergenza per le coltivazioni e che in queste setti,ane ha causato in 5 giorni ben 3 morti per incidenti stradali.

Albano: la legge regionale funziona, però non dobbiamo abbassare la guardia

Problema Cinghiali – Da gennaio a settembre sono 318 i cinghiali abbattuti in provincia di Brescia, +132% rispetto allo stesso periodo del 2019, che registrava 137 capi. “Un risultato soddisfacente, frutto di una legge regionale che funziona – commenta il direttore di Coldiretti Brescia Massimo Albano – adesso è importante continuare in questa direzione, il problema della fauna selvatica è reale e provoca danni enormi all’agricoltura, oltre a rappresentare un pericolo per l’uomo”.

Problema cinghiali
Nel 2019 in provincia di Brescia i cinghiali hanno causato numerosi incidenti stradali, alcuni anche con gravi conseguenze

 La presenza dei cinghiali nei centri abitati – precisa Coldiretti Brescia – non è più un evento sporadico, ma sta quasi diventando la normalità. Questo rappresenta un rischio concreto per le imprese agricole, che si vedono campi distrutti e, in alcuni casi, danni a mandrie e greggi e per i cittadini, basti pensare all’incidente avvenuto pochi giorni fa sull’autostrada A26 Genova Voltri-Gravellona Toce in provincia di Novara,  costato la vita a due persone dopo che l’auto sulla quale viaggiavano si è scontrata con un paio di cinghiali.

Problema Cinghiali – Nel 2019 in provincia di Brescia i cinghiali hanno causato numerosi incidenti stradali, alcuni anche con gravi conseguenze, mentre il settore agricolo ha subito oltre 200.000 euro di danni dovuti a questa specie. “La situazione è critica, si avvistano anche branchi da 30 – 40 animali – precisa  Luciano Salvadori, segretario di zona Coldiretti Brescia e componente della Commissione cinghiali  dell’ATC Unico di Brescia – in questi mesi, poi, abbiamo registrato la presenza di esemplari anche in zone dove non si erano mai visti, dagli alpeggi alla pianura. I danni alle colture sono innumerevoli e ci preoccupano soprattutto quelli indiretti: oltre a devastare centinaia di metri quadrati di campi, i cinghiali distruggono piante, spianano erba, scavano buche e danneggiano strutture e recinzioni. Nelle zone montane, poi, è ancor più difficile e dispendioso ripianare i terreni per consentire al bestiame di spostarsi lungo i pendii”.

 La proliferazione senza freni dei cinghiali (150% all’anno)  – conclude Coldiretti Brescia – sta mettendo anche a rischio l’equilibrio ambientale di vasti ecosistemi territoriali, anche in aree di elevato pregio naturalistico che va assolutamente preservato.

Spazio Pubblicitario ancora disponibile

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome qui