SMOG: COLDIRETTI, AL NORD -92% PIOGGIA A OTTOBRE, ALLARME SICCITA’

 

Fiume Pò – ponte della becca PV

Smog: situazione preoccupante – La caduta del 92% di pioggia in meno nel nord Italia, dove in molti territori le precipitazioni sono state del tutto assenti, fanno scattare l’allarme smog nelle città e quello siccità nelle campagne. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Ucea relativi alla prima decade di ottobre dai quali emerge peraltro che in media in Italia le precipitazioni sono state ridotte del 79%. Si tratta – sottolinea la Coldiretti – dell’ultima anomalia del clima pazzo che ha segnato tutto il 2017 e il risultato – sostiene la Coldiretti – è riscontrabile nell’inquinamento delle città, ma anche dal livello dei fiumi con il Po che è sotto di 3 metri rispetto allo zero idrometrico al Ponte della Becca a Pavia, 70 centimetri in meno rispetto allo scorso anno.

I dati diffusi dalla Coldiretti delineano un quadro dei bacini lombardi molto critico: il lago Maggiore è sotto di 40 centimetri rispetto ai livelli del 2016, al lago di Como ne mancano 35. Il lago di Garda ha un’altezza di 68,8 centimetri contro una media di 104,3

Funghi e tartufi

SMOG

La mancanza di precipitazioni – continua la Coldiretti –  fa crollare le raccolte dei prodotti tipici di stagione, dai funghi ai tartufi le cui quotazioni sono salite alle stelle fino a 450 euro all’etto. Ma con il caldo – precisa la Coldiretti – resistono le zanzare che continuano ancora a pungere e si moltiplicano anche gli insetti dannosi per le piante con una vera invasione biblica della “cimice marmorata asiatica”, originaria dalla Cina, che sta distruggendo i raccolti nei frutteti, negli orti, ma anche le grandi coltivazioni di soia e di mais nel nord Italia.

Se in campagna colpisce la siccità, l’alta pressione nelle città aggrava l’emergenza smog provocata dal traffico con l’innalzamento del livello di polvere sottili oltre i limiti che in molte città del Nord, da Milano a Torino, hanno portato a misure di restrizione della circolazione.

BONUS VERDE

Bonus verde

Di fronte all’evidente cambiamento del clima in atto non si può continuare a rincorrere le emergenze ma – chiede la Coldiretti – bisogna intervenire in modo strutturale favorendo nelle città la diffusione del verde pubblico e privato capace di catturare lo smog nelle città. Le piante – sottolinea la Coldiretti – concorrono a combattere le polveri sottili e gli inquinanti gassosi ma in Italia ogni abitante dispone nelle città capoluogo di appena 31,1 metri quadrati di verde urbano. Per questo sono importanti – precisa la Coldiretti – le misure di defiscalizzazione degli interventi su giardini e terrazzi, anche condominiali, previsti nella manovra che introduce un bonus verde del 36%. Una pianta adulta – conclude la Coldiretti – è capace di catturare dall’aria dai 100 ai 250 grammi di polveri sottili con un ettaro di piante elimina circa 20 chili di polveri e smog in un anno.

Dati forniti da Coldiretti Lombardia

Luoghi Rurali

Spazio Pubblicitario ancora disponibile

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome qui